ASCO 2022: Cabozantinib, nuovi dati mostrano risultati incoraggianti in monoterapia e in combinazione in diversi tipi di tumore incluso il carcinoma del polmone metastatico non a piccole cellule

  • Lo studio di Fase Ib COSMIC-021 sta valutando cabozantinib in combinazione con atezolizumab nei tumori solidi avanzati, incluso il carcinoma del polmone non a piccole cellule
  • Nuove analisi dallo studio di Fase III Checkmate-9ER supportano ulteriormente l’efficacia superiore di cabozantinib e nivolumab rispetto a sunitinib nel carcinoma a cellule renali avanzato
  • Due nuove analisi dallo studio di Fase III COSMIC-311 supportano ulteriormente il potenziale di cabozantinib nel carcinoma differenziato della tiroide refrattario al radioiodio

PARIGI, FRANCIA, 30 maggio 2022 – Ipsen ha annunciato la presentazione di dati incoraggianti per l’inibitore multitarget della tirosin-chinasi (TKI) , cabozantinib, in diverse tipologie di cancro, in occasione del meeting annuale della Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO 2022). Le presentazioni dei dati includeranno i risultati ottenuti nel carcinoma del polmone metastatico non a piccole cellule (NSCLC), così come nelle indicazioni consolidate nel carcinoma a cellule renali avanzato e nel carcinoma differenziato della tiroide refrattario al radioiodio (RAI-R DTC). Questi dati mostrano il potenziale terapeutico di cabozantinib che  continua a offrirsi come un’opzione di trattamento chiave in un’ampia serie di tumori.

I risultati aggiornati dallo studio multicentrico di Fase Ib COSMIC-021,che valuta la combinazione di cabozantinib più atezolizumab in una popolazione estesa di pazienti con NSCLC metastatico,dimostrano un’attività clinica incoraggiante,  con tossicità gestibile, in pazienti precedentemente trattati con un inibitore del checkpoint immunitario (ICI).1 Questi dati pongono le basi per il potenziale sviluppo di cabozantinib nel NSCLC metastatico che viene ulteriormente esaminato nello studio di Fase III CONTACT-01 attualmente  in corso. Questo studio sta valutando la combinazione di cabozantinib più atezolizumab rispetto a docetaxel nei pazienti con NSCLC metastatico precedentemente trattati con un ICI e chemioterapia contenente platino; i cui risultati principali saranno annunciati nella seconda metà del 2022.

Attualmente, l’immunoterapia di prima linea con o senza chemioterapia è lo standard di cura per i pazienti con NSCLC metastatico, ma c’è un reale bisogno di ulteriori opzioni di trattamento efficaci per quei pazienti che progrediscono dopo una precedente immunoterapia” ha affermato Santiago Ponce-Aix, M.D., Head of Drug Development Department, Institute Gustave Roussy, France, e ricercatore nello studio COSMIC-021. “Questi nuovi dati sono incoraggianti poiché mostrano il potenziale ruolo di cabozantinib nel creare un ambiente che può aumentare l’attività di atezolizumab nel NSCLC. Attendiamo ulteriori dati che valutino questa combinazione per questa popolazione di pazienti dove permane un così alto bisogno medico insoddisfatto.”

Il potenziale terapeutico di cabozantinib come un’opzione di trattamento contro un’ampia serie di tumori, incluso il NSCLC, continua ad essere valutato e questi dati dimostrano la nostra ambizione di offrire nuovi trattamenti significativi ai pazienti. Questi ultimi dati supportano il ruolo che  cabozantinib può svolgere  nell’impattare positivamente il trattamento quando abbinato con l’immunoterapia, e continueremo a valutare cabozantinib sia in monoterapia che in combinazione con altre terapie innovative per i tumori più difficili da curare,” ha affermato Dr. Howard Mayer, Executive Vice President e Head of Research and Development di Ipsen.

Sarà inoltre presentata un’analisi esplorativa che studia il rapporto tra la profondità di risposta (DepOR) e i risultati clinici nel CheckMate-9ER, valutando cabozantinib in combinazione con nivolumab rispetto a sunitinib nel carcinoma a cellule renali avanzato precedentemente non trattato.2

DepOR è stata definita come la migliore riduzione percentuale rispetto al basale della somma dei diametri delle lesioni bersaglio. Complessivamente, proporzioni maggiori di pazienti che hanno ricevuto cabozantinib più nivolumab hanno dimostrato risposte più profonde rispetto a sunitinib. Indipendentemente dal trattamento, risposte più profonde sono state generalmente associate con migliore sopravvivenza libera da progressione (PFS) e sopravvivenza globale.2

Inoltre, saranno presentate due nuove analisi dei dati dallo studio di Fase III COSMIC-311 che valuta cabozantinib nel RAI-R DTC. Un’analisi riguarda i risultati per sottogruppi predefiniti in base ai sottotipi istologici basali di tumori follicolari o papillari della tiroide, con risultati che mostrano come cabozantinib ha mantenuto un’efficacia superiore rispetto al placebo indipendentemente dal sottotipo istologico.3 La PFS mediana era di 9,2 mesi per cabozantinib rispetto a 1,9 mesi per il placebo nel sottogruppo del tumore tiroideo papillare (PTC) (HR 0,27 95% CI, 0,17-0,43) e 11,2 mesi rispetto a 2,5 mesi nel sottogruppo del tumore tiroideo follicolare (FTC) (HR 0,18 95% CI, 0,10-0,31). Il tasso di risposta totale (ORR) era del 15% per cabozantinib rispetto a 0% per il placebo nel sottogruppo PTC e 8% rispetto a 0% nel sottogruppo FTC.3

Una seconda analisi è relativa ai risultati per sottogruppi predefiniti in base al  precedente trattamento con lenvatinib e/o sorafenib. I dati di questa analisi hanno mostrano che cabozantinib ha mantenuto la sua PFS rispetto al placebo indipendentemente dal precedente trattamento con lenvatinib e/o sorafenib.4 La PFS mediana tra i diversi gruppi ha è stata di  16,6 mesi per cabozantinib rispetto a 3,2 mesi per il placebo nella sottopopolazione precedentemente trattata con il solo  sorafenib (non lenvatinib) (HR 0,13, 95% CI 0,06–0,26), 5,8 mesi rispetto a 1,9 mesi nella sottopopolazione precedentemente trattata con il solo lenvatinib (non sorafenib) (HR 0,28, 95% CI 0,16-0,48), e 7,6 mesi rispetto a 1,9 mesi nella sottopopolazione precedentemente trattata con entrambe sorafenib e lenvatinib (HR 0,27, 95% CI 0,13–0,54).4

Il profilo di sicurezza identificato in COSMIC-021, CheckMate -9ER e COSMIC-311 era in linea con quello precedentemente osservato per cabozantinib in monoterapia e in combinazione.

Ipsen desidera ringraziare i pazienti e i ricercatori coinvolti negli studi clinici COSMIC-021, CheckMate -9ER and COSMIC-311.

CONCLUSIONI

Ulteriori informazioni sono disponibili durante le sessioni di presentazione descritte di seguito:

 

Lead author Indication Abstract title Presentation number/timing (CDT)
Neal NSCLC

Cabozantinib (C) Plus Atezolizumab (A) or C Alone in Patients (Pts) With Advanced Non-Small Cell Lung Cancer (aNSCLC) Previously Treated With an Immune Checkpoint Inhibitor (ICI): Results From Cohorts 7 and 20 of the COSMIC-021 Study

 

Oral

Abstract 9005
Fri 3 Jun

2:24- 2:36 PM 

Lung Cancer – Non-Small Cell Metastatic

 

Suárez RCC

Association between depth of response and clinical outcomes: exploratory analysis in patients with previously untreated advanced renal cell carcinoma (aRCC) in CheckMate 9ER

 

Oral

Abstract 4501
Fri 3 Jun

2:57- 3:09 PM

GU Cancer – Kidney and Bladder

 

Pal Urothelial Carcinoma Cabozantinib (C) in Combination With Atezolizumab (A) in Urothelial Carcinoma (UC): Results From Cohorts 3, 4, 5 of the COSMIC-021 Study[i]

Oral

Abstract 4504

Fri 3 Jun

3:57 PM – 4:09 PM

GU Cancer – Kidney and Bladder

 

Capdevila RAI-R DTC

Cabozantinib versus placebo in patients (pts) with radioiodine-refractory (RAIR) differentiated thyroid cancer (DTC) who have progressed after prior VEGFR-targeted therapy: outcomes in prespecified subgroups based on histology subtypes

 

Poster

Abstract 6081

Mon Jun 6

1:15-4:15 PM

Head & Neck Cancer

 

Hernando RAI-R DTC

Cabozantinib (C) versus placebo (P) in patients (pts) with radioiodine-refractory (RAIR) differentiated thyroid cancer (DTC) who have progressed after prior VEGFR-targeted therapy: outcomes in prespecified subgroups based on prior VEGFR-targeted therapy

 

Poster

Abstract 6083

Mon Jun 6

1:15-4:15 PM

Head & Neck Cancer

 

 

Il carcinoma del polmone non a piccole cellule (NSCLC)

Il carcinoma del polmone è una delle principali cause di morte per cancro nel mondo.5 Ci sono in generale due differenti gruppi di tumore del polmone NSCLC e SCLC (carcinoma a piccole cellule).
NSCLC rappresenta circa l’80-85% di tutti i casi.6 I principali sottotipi di NSCLC sono adenocarcinoma, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a grandi cellule. Questi sottotipi, che originano da diversi tipi di cellule polmonari, sono raggruppati come NSCLC perché il loro trattamento e prognosi sono spesso simili.6

 

Il carcinoma a cellule renali (RCC)

Ci sono stati più di 430.000 nuovi casi di tumore del rene diagnosticati in tutto il mondo nel 2020.7 Di questi, l’RCC è il più comune tipo di tumore del rene, rappresentando circa il 90% dei casi.8,9 È circa due volte più comune negli uomini, e i pazienti uomini rappresentano oltre i due terzi dei decessi.8 Se diagnosticato negli stadi iniziali, il tasso di sopravvivenza a cinque anni è alto, ma per i pazienti con RCC metastatico in stadio avanzato il tasso di sopravvivenza è molto più basso, intorno al 12%, senza una cura identificata per questa malattia.10,11

 

Il carcinoma differenziato della tiroide refrattario al radioiodio (RAI-R DTC)

Nel 2020 sono stati diagnosticati più di 580.000 nuovi casi di carcinoma tiroideo a livello mondiale.12 Il tumore della tiroide è la nona neoplasia più comune a livello globale e la sua incidenza è tre volte maggiore nelle donne rispetto agli uomini, rappresentando una diagnosi di tumore su 20 tra le donne.12 I tumori della tiroide comprendono le forme differenziate, midollare e anaplastica e i tumori differenziati della tiroide (DTC) costituiscono circa il 90-95% dei casi.13,14 DTC viene comunemente trattato con la chirurgia, seguita da ablazione con iodio radioattivo (RAI) del tessuto tiroideo residuo, ma circa il 5-15% dei casi è resistente al trattamento con RAI.15 I pazienti che sviluppano RAI-R DTC hanno una prognosi sfavorevole con una sopravvivenza stimata media da tre a cinque anni.16

 

Lo studio COSMIC-02117

COSMIC-021 è uno studio multicentrico, di Fase Ib, in aperto che è stato diviso in due parti: una fase di incremento della dose e una fase di espansione della coorte. Nella fase di espansione, lo studio ha arruolato 23 coorti in 12 tipi di tumore: NSCLC, RCC, UC, carcinoma prostatico resistente alla castrazione, carcinoma epatocellulare, carcinoma mammario triplo negativo, carcinoma ovarico epiteliale, carcinoma endometriale, adenocarcinoma della giunzione gastrica o gastroesofagea, adenocarcinoma del colon retto, cancro della testa e del collo e DTC. Exelixis è lo sponsor dello studio COSMIC-021. Entrambi Ipsen e Takeda Pharmaceutical Company Limited (Takeda) hanno scelto di partecipare alla sperimentazione e stanno contribuendo al finanziamento di questo studio secondo i termini dei rispettivi accordi di collaborazione delle società con Exelixis. Roche sta fornendo atezolizumab per lo studio.

 

Lo studio CheckMate-9ER18

CheckMate-9ER è uno studio in aperto, randomizzato, multicentrico, di Fase 3, che valuta pazienti con carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato o metastatico non precedentemente trattato. In totale, 651 pazienti (23% a rischio favorevole, 58% a rischio intermedio, 20% a rischio sfavorevole; 25% PD-L1≥1%) sono stati randomizzati a ricevere cabozantinib più nivolumab (n=323) rispetto a sunitinib (n=328). L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione (PFS). Endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale (OS) e il tasso di risposta obiettiva (ORR). L’analisi primaria di efficacia ha confrontato la duplice associazione rispetto a sunitinib in tutti i pazienti randomizzati. Lo studio è sponsorizzato da Bristol Myers Squibb e Ono Pharmaceutical Co e co-finanziato da Exelixis, Ipsen e Takeda Pharmaceutical Company Limited.

 

Lo studio COSMIC-31119

COSMIC-311 è uno studio di Fase III multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso placebo, che ha arruolato 258 pazienti in 164 centri a livello globale. I pazienti sono stati randomizzati con un rapporto 2:1 a ricevere 60 mg di cabozantinib al giorno o placebo. Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat e il tasso di risposta obiettiva, nei primi 100 pazienti randomizzati (tasso di risposta obiettiva nella popolazione intention-to-treat [OITT]), entrambi valutati da un comitato radiologico indipendente in cieco. Endpoint aggiuntivi comprendono la sicurezza, la sopravvivenza globale e la qualità di vita. Exelixis è lo sponsor, e Ipsen è co-finanziatore dello studio COSMIC-311.

 

Cabozantinib

Al di fuori degli Stati Uniti, cabozantinib è attualmente approvato in 60 Paesi, compresi gli Stati membri dell’Unione Europea, la Gran Bretagna, la Norvegia, l’Islanda, l’Australia, la Nuova Zelanda, la Svizzera, la Corea del Sud, il Canada, il Brasile, Taiwan, Hong Kong, Singapore, Macau, la Giordania, il Libano, la Federazione Russa, l’Ucraina, la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti, l’Arabia Saudita, la Serbia, Israele, il Messico, il Cile, il Perù, Panama, Guatemala, la Repubblica Dominicana, l’Ecuador, la Tailandia, la Malesia, la Colombia e l’Egitto e il Kazakistan per il trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato (RCC) nei pazienti adulti sottoposti precedentemente a terapia mirata contro il recettore del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF); nell’Unione Europea, Gran Bretagna, Norvegia, Islanda, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Brasile, Taiwan, Hong Kong, Singapore, Libano, Giordania, Federazione Russa, Ucraina, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Israele, Serbia, Messico, Cile, Perù, Panama, Guatemala, Repubblica Dominicana, Ecuador, Tailandia, Egitto, Malesia e Kazakistan per il carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato a rischio intermedio o sfavorevole precedentemente non trattato; e nell’Unione Europea, Gran Bretagna, Norvegia, Islanda, Canada, Australia, Svizzera, Arabia Saudita, Serbia, Israele, Taiwan, Hong Kong, Corea del Sud, Singapore, Giordania, Federazione Russa, Ucraina, Turchia, Libano, Emirati Arabi Uniti, Perù, Panama, Guatemala, Cile, Repubblica Dominicana, Ecuador, Tailandia, Brasile, Nuova Zelanda, Egitto, Malesia e Kazakistan per il carcinoma epatocellulare (HCC) negli adulti precedentemente trattati con sorafenib. Cabozantinib è approvato in combinazione con nivolumab nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato (RCC) nell’Unione Europea, Gran Bretagna, Norvegia, Islanda, Svizzera, Canada, Taiwan, Singapore, Emirati Arabi Uniti, Australia, Cile, Israele, Tailandia, Malesia, Corea del sud, Arabia Saudita, Federazione Russa, Brasile e Kazakistan. Cabozantinib è anche approvato in Unione Europea, Gran Bretagna e Canada come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma differenziato della tiroide localmente avanzato o metastatico, refrattari o non eleggibili al radioiodio che sono progrediti durante o dopo una precedente terapia sistemica. Negli Stati Uniti le compresse di cabozantinib sono approvate per il trattamento dei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato (RCC); per il trattamento dei pazienti con carcinoma epatocellulare (HCC) precedentemente trattati con sorafenib; per i pazienti con carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato come trattamento di prima linea in combinazione con nivolumab; e per adulti e pazienti pediatrici di età pari o superiore a 12 anni di età con DTC metastatico o localmente avanzato.

Raccomandazioni dettagliate d’uso di cabozantinib sono descritte nel Summary of Product Characteristics (EU SmPC)* e nel U.S. Prescribing Information (USPI).

Ipsen possiede i diritti esclusivi per la commercializzazione di cabozantinib fuori dagli Stati Uniti e dal Giappone. Cabozantinib è commercializzato da Exelis, Inc. negli Stati Uniti e da Takeda Pharmaceutical Company Limited in Giappone. Cabozantinib è un marchio registrato di Exelixis.

 

*Questo SmPC non include i dettagli dell’approvazione di cabozantinib il 3 maggio 2022 in Unione Europea per il trattamento di pazienti adulti con DTC localmente avanzato o metastatico, refrattari o non eleggibili al radioiodio che sono progrediti durante o dopo una precedente terapia sistemica. Maggiori informazioni al sito European Commission’s .

[i] Cabozantinib (C) in Combination With Atezolizumab (A) in Urothelial Carcinoma (UC): Results From Cohorts 3, 4, 5 of the COSMIC-021 Study

 

Per informazioni:
Maria Lucia Burriesci
Communication and Patient Advocacy Manager
maria.lucia.burriesci@ipsen.com
+39 3351056045

Bibliografia

  1. Cabozantinib (C) Plus Atezolizumab (A) in Patients (Pts) With Advanced Non-Small Cell Lung Cancer (NSCLC) Previously Treated With an Immune Checkpoint Inhibitor (ICI): Results from Cohorts 7 and 20 of the COSMIC-021 Study
  2. Association between depth of response and clinical outcomes: exploratory analysis in patients with previously untreated advanced renal cell carcinoma (aRCC) in CheckMate 9ER
  3. Cabozantinib versus placebo in patients (pts) with radioiodine-refractory (RAIR) differentiated thyroid cancer (DTC) who have progressed after prior VEGFR-targeted therapy: outcomes in prespecified subgroups based on histology subtypes
  4. Cabozantinib (C) versus placebo (P) in patients (pts) with radioiodine-refractory (RAIR) differentiated thyroid cancer (DTC) who have progressed after prior VEGFR-targeted therapy: outcomes in prespecified subgroups based on prior VEGFR-targeted therapy
  5. World Health Organization: GLOBOCAN 2020 – Lung Cancer: Estimated cancer incidence, mortality and prevalence worldwide. [Internet; cited September 2021] Available fromhttps://gco.iarc.fr/today/data/factsheets/cancers/15-Lung-fact-sheet.pdf
  6. American Cancer Society. What is Lung Cancer? May 2022. Available: https://www.cancer.org/cancer/lung-cancer/about/what-is.html
  7. Kidney Cancer Factsheet. GLOBOCAN 2020. Accessed: May 2022. Available: https://gco.iarc.fr/today/data/factsheets/cancers/29-Kidney-fact-sheet.pdf
  8. Kidney Cancer. Mayo Clinic. Accessed: May 2022. Available: https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/kidney-cancer/symptoms-causes/syc-20352664
  9. Infographic: Kidney Cancer. Mayo Clinic. Accessed: May 2022. Available: https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/kidney-cancer/multimedia/kidney-cancer-infographic/ifg-20441505
  10. Survival rates for kidney cancer. American Cancer Society. Accessed: May 2022. Available: https://www.cancer.org/cancer/kidney-cancer/detection-diagnosis-staging/survival-rates.html
  11. Orlin, I et al., Renal cell carcinomas epidemiology in the era of widespread imaging. Journal of Clinical Oncology. 2019; 37:15
  12. H et al. Global cancer statistics 2020: GLOBOCAN estimates of incidence and mortality worldwide for 36 cancers in 185 countries. CA: A Cancer Journal For Clinicians. doi: 10.3322/caac.21660..
  13. Net. ASCO. Thyroid Cancer: Introduction. Last accessed: May 2022. Available at: https://www.cancer.net/cancer-types/thyroid-cancer/introduction.
  14. Chen et al. Innovative analysis of distant metastasis in differentiated thyroid cancer. Oncol Lett 19: 1985- 1992, 2020. doi: 10.3892/ol.2020.11304
  15. Worden Treatment strategies for radioactive iodine-refractory differentiated thyroid cancer. Ther Adv Med Oncol. 6:267–279. doi: 10.1177/1758834014548188.
  16. Fugazzola L. et al. 2019 European Thyroid Association Guidelines for the Treatment and Follow-Up of Advanced Radioiodine-Refractory Thyroid Eur Thyroid J. 2019;8:227–245. doi: 10.1159/000502229.
  17. gov. Study of Cabozantinib in Combination With Atezolizumab to Subjects With Locally Advanced or Metastatic Solid Tumors (NCT03170960). May 2022. Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03170960
  18. gov. A Study of Nivolumab Combined With Cabozantinib Compared to Sunitinib in Previously Untreated Advanced or Metastatic Renal Cell Carcinoma (CheckMate 9ER) (NCT03141177). May 2022. Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03141177
  19. gov. A Study of Cabozantinib Compared With Placebo in Subjects With Radioiodine-refractory Differentiated Thyroid Cancer Who Have Progressed After Prior Vascular Endothelial Growth Factor Receptor (VEGFR) -Targeted Therapy (NCT03690388). May 2022. Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03690388

__________________________

[1] Cabozantinib (C) in Combination With Atezolizumab (A) in Urothelial Carcinoma (UC): Results From Cohorts 3, 4, 5 of the COSMIC-021 Study

© Ipsen Group 2022