Spasticità e distonia cervicale: oltre l’80% dei pazienti trattati con tossina botulinica A presenta una recidiva di sintomi debilitanti

  • Più di 400 pazienti con spasticità o con distonia cervicale hanno risposto ai sondaggi online disegnati per la valutazione del carico di malattia e dell’impatto sulla vita personale e professionale
  • I risultati mostrano la necessità di un controllo di maggior durata dei sintomi per migliorare la qualità della vita percepita dai pazienti
  • I risultati dei due sondaggi sono stati presentati durante il 6° Congresso della European Academy of Neurology

 

PARIGI, FRANCIA, 25 maggio 2020 – Più dell’80% dei pazienti con spasticità o distonia cervicale trattati con iniezioni di tossina botulinica di tipo A (BoNT-A) presenta una recidiva debilitante dei sintomi e una mancanza di controllo duraturo dei sintomi tra una iniezione e l’altra, che provoca profonde ripercussioni sulla vita personale e professionale.1-4 È quanto emerge dai risultati di due sondaggi a cui hanno risposto 400 pazienti da cinque Paesi, con sintomi di spasticità o distonia cervicale trattati con iniezioni di tossina botulinica di tipo A (BoNT-A).

 

“I risultati di questi due importanti sondaggi forniscono un quadro significativo dell’impatto sulla vita reale delle due sintomatologie; tuttavia sottolineano anche una preoccupante discrepanza tra le aspettative dei pazienti e la loro esperienza. I risultati, che si aggiungono alla nostra comprensione sempre maggiore della spasticità e della distonia cervicale, ci forniscono la possibilità di apportare importanti modifiche nella pratica clinica,” afferma il dott. Alberto Esquenazi, Department of Physical Medicine and Rehabilitation, Gait and Motion Analysis Laboratory, Moss Rehab and Albert Einstein Medical Centre, U.S.  sperimentatore principale del sondaggio sulla spasticità.

Il primo sondaggio1,2 ha analizzato l’impatto della spasticità sulla vita dei pazienti. Dei 210 pazienti che hanno risposto da Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti, l’83% ha riportato che i sintomi della spasticità sono ricomparsi tra le due sessioni di trattamento con BoNT-A e, di questi, il 59% ha riferito di aver avuto recidiva entro tre mesi dall’ultimo trattamento. La ricomparsa della sintomatologia ha avuto una ripercussione significativa sulla qualità di vita dei pazienti, sul sonno, sulle relazioni, sulla vita di tutti i giorni e sull’esperienza lavorativa. Inoltre, il 47% degli intervistati ha riportato di non riuscire a lavorare, al riacutizzarsi dei sintomi, mentre il 45% ha dichiarato di sentirsi meno efficiente al lavoro rispetto al periodo precedente.1,2

Il secondo sondaggio3,4, con un approccio simile, ha analizzato i dati di 209 intervistati con distonia cervicale che hanno risposto da Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti. Di questi l’88% ha riportato la ricomparsa della sintomatologia preesistente tra le due iniezioni di BoNT-A. La maggior parte degli intervistati impegnati in attività lavorative ha riferito un importante impatto sulla vita professionale, il 66% di questi ha dichiarato di non sentirsi a proprio agio al lavoro e il 66% di non sentirsi efficiente al lavoro come al solito. La vita personale dei pazienti è risultata compromessa in modo significativo dal ritorno dei sintomi, con ripercussioni sulla possibilità di socializzare, sul sonno, sulla guida o sugli impegni quotidiani.3,4

In entrambi i sondaggi oltre il 70% dei pazienti ha dichiarato di sentire l’esigenza di un trattamento che offra benefici più duraturi .1-4

I sondaggi Carenity 2 rivelano l’impatto debilitante che la ricomparsa dei sintomi può avere sui vari aspetti della vita dei pazienti con spasticità e distonia cervicale, evidenziando i bisogni che devono essere soddisfatti per alleviare il peso sui pazienti che soffrono di queste patologie neurologiche.1-4

I risultati completi dei sondaggi  Carenity 2 relativi alla spasticità sono stati pubblicati il 7 Maggio 2020 in Frontiers in Neurology.1

Antony Fulford-Smith, Vice Presidente Global Medical Affairs, Ipsen, commenta: “La spasticità e la distonia cervicale hanno un effetto devastante sulla vita dei pazienti, con pesanti ricadute sulla mobilità, sul lavoro e sulla qualità di vita. In Ipsen siamo alla costante ricerca di soluzioni che migliorino la gestione della malattia e dell’assistenza, con un approccio focalizzato sul paziente. Risulta chiaro dai sondaggi che c’è ancora molto da fare per alleviare il peso di queste patologie difficili nella vita di tutti i giorni dei pazienti.”

La spasticità e la distonia cervicale sono patologie neurologiche distinte, anche se caratterizzate entrambe da un ridotto controllo muscolare e da spasmi, normalmente trattate con iniezioni di tossina botulinica A (BoNT-A).3,5,6 La spasticità colpisce oltre 12 milioni di persone in tutto il mondo7 ed è generalmente causata da un danno alle aree del cervello e del midollo spinale responsabili del controllo dei muscoli e dei riflessi da stiramento, dovuto a infarto, traumi cranici e a lesioni midollari , sclerosi multipla e paralisi cerebrale.5 La distonia cervicale è una malattia dalle origini sconosciute nella maggior parte dei casi primaria, caratterizzata da contrazioni involontarie dei muscoli del collo.6

 

I sondaggi Carenity 2

I due sondaggi sui pazienti, commissionati da Ipsen, sono stati condotti da maggio a settembre 2019 da Carenity, una comunità di pazienti online. 419 intervistati hanno risposto ai sondaggi da Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti attraverso la piattaforma online Carenity. I partecipanti ammissibili erano di età superiore ai 18 anni con spasticità o distonia cervicale (DC) ( o che si prendevano cura di pazienti con queste patologie) trattati per almeno un anno con BoNT-A. Per valutare l’impatto della spasticità o della DC sui pazienti o sui caregiver, i sondaggi Carenity 2 hanno analizzato l’impatto della riacutizzazione dei sintomi sulla qualità di vita.1-4

Ipsen ha sviluppato una partnership con Carenity, una piattaforma social dedicata a persone con malattie croniche, e ha presentato al congresso TOXINS 20198 i risultati del primo sondaggio internazionale Carenity dedicato alla spasticità.

La spasticità

Si stima che la spasticità colpisca oltre 12 milioni di persone in tutto il mondo.7 E’ una patologia che comporta la costante contrazione di alcuni muscoli, causando rigidità muscolare che interferisce con i normali movimenti, l’andatura e la pronuncia delle parole.5 La spasticità normalmente è causata da un danno alle aree del cervello o del midollo spinale che controllano i movimenti volontari,5,9 che comporta modificazioni nel bilanciamento dei segnali tra il sistema nervoso e i muscoli, aumentando l’attività muscolare.5 Traumi al midollo spinale, sclerosi multipla, paralisi cerebrale, infarto, trauma al cervello o alla testa e disturbi metabolici possono causare la spasticità.9 Questa patologia viene riscontrata nel 34% dei sopravvissuti all’infarto entro 18 mesi dall’episodio infartuale.10

La distonia cervicale

La distonia cervicale (DC), conosciuta anche come torcicollo spasmodico, è un disturbo del movimento che causa contrazioni muscolari involontarie in modo particolare dei muscoli del collo.6,11 Questo può comportare l’inclinazione della testa lateralmente o  l’oscillazione avanti e indietro .6,12 La DC è relativamente poco diffusa, colpisce da 57 a 280 persone su un milione.13 Può insorgere a qualsiasi età, anche se generalmente i sintomi si sviluppano nell’età media, all’inizio lentamente, e solitamente raggiunge la stabilizzazione in pochi mesi o in anni.14 La degenerazione della colonna vertebrale, l’infiammazione delle radici nervose, oppure cefalee frequenti  possono rendere la malattia particolarmente dolorosa.14 Nella maggior parte dei casi la causa è sconosciuta e non esistono cure.13

Ipsen
Ipsen è un Gruppo bio-farmaceutico globale focalizzato sull’innovazione e sulla Specialty Care. Il Gruppo sviluppa e commercializza farmaci innovativi nell’ambito di tre aree terapeutiche chiave: oncologia, neuroscienze e malattie rare. L’impegno in oncologia è dimostrato dal portfolio crescente di terapie chiave nel tumore della prostata, nei tumori neuroendocrini, nel carcinoma renale e nel tumore del pancreas. Ipsen possiede inoltre una divisione Consumer Healthcare ben consolidata.

Ipsen commercializza più di 20 farmaci in più di 115 Paesi, con una presenza commerciale diretta in oltre 30 Paesi. La R&D di Ipsen è focalizzata sulle sue piattaforme tecnologiche innovative e differenziate localizzate nel cuore di importanti hub biotecnologici e di scienze umane (Parigi-Saclay, Francia; Oxford, Regno Unito; Cambridge, Stati Uniti). Il Gruppo conta circa 5.800 persone in tutto il mondo. Ipsen è quotata a Parigi (Euronext: IPN) e negli Stati Uniti con un programma di Sponsored Level I American DepositaryReceipt (ADR: IPSEY). Per informazioni visita il sito www.ipsen.com.

 

 

Per maggiori informazioni

Giovanni Asta

Head of Rome Office, Institutional Affairs & Communications

giovanni.asta@ipsen.com

+39 335 744 0 734

  1. Jacinto et al. Patient perspectives on the therapeutic profile of botulinum neurotoxin type A in spasticity. Frontiers in Neurology 2020: DOI 10.3389/fneur.2020.00388.
  2. Esquenazi A, et al. Impact of spasticity and waning of effect of botulinum toxin a treatment on patients’ employment and quality of life: results of a multinational online survey. Abstract presented at the 6th Congress of the European Academy of Neurology. 23-26th May 2020, Vienna, Austria.
  3. Ferreira J, et al. How do patients with cervical dystonia (CD) experience their botulinum neurotoxin type a (BoNT-A) treatment cycle: results from an international online survey. Abstract presented at the 6th Congress of the European Academy of Neurology. 23-26th May 2020, Vienna, Austria.
  4. Comella C, et al. Gaps in the Management of Cervical Dystonia with Botulinum Toxin A: Findings from an Online Patient Survey. Poster presented at the 6th Congress of the European Academy of Neurology. 23-26 May 2020, Vienna, Austria.
  5. American Association of Neurological Surgeons. Spasticity. Available at: https://www.aans.org/Patients/Neurosurgical-Conditions-and-Treatments/Spasticity. Accessed April 2020.
  6. Mayo Clinic. Cervical Dystonia. Available athttps://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/cervical-dystonia/symptoms-causes/syc-20354123. Accessed April 2020.
  7. John Hopkins Medicine. Spasticity. Available at:https://www.hopkinsmedicine.org/health/conditions-and-diseases/spasticity. Accessed April 2020.
  8. Patel, A. et al. Burden of spasticity among patients and caregivers: results of a multinational survey. Poster presented at TOXINS 2019. 16-19th January 2019,Copenhagen, Denmark.
  9. American Association of Neurological Surgeons. Movement Disorders. Available at: https://www.aans.org/Patients/Neurosurgical-Conditions-and-Treatments/Movement-Disorders. Accessed May 2020.
  10. Kuo C.Post-stroke Spasticity: A review of epidemiology, pathophysiology, and treatments. Int JGerontol2018;12:280-284.
  11. Claypool D, et al. Epidemiology and outcome of cervical dystonia (spasmodic torticollis) in Rochester, Minnesota. Movement Disorders1995;10: 608-614.
  12. National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Dystonias Fact Sheet. Available athttps://www.ninds.nih.gov/Disorders/Patient-Caregiver-Education/Fact-Sheets/Dystonias-Fact-Sheet. Accessed May 2020.
  13. Castelão M, et al. Botulinum toxin type A therapy for cervical dystonia. Cochrane Database of Systematic Reviews2017;12:CD003633.
  14. American Association of Neurological Surgeons. Dystonia. Available athttp://www.aans.org/Patients/Neurosurgical-Conditions-and-Treatments/Dystonia. Accessed May 2020.

 

 

 

 

Ipsen—Cautionary Note Regarding Forward-Looking Statements

The forward-looking statements, objectives and targets contained herein are based on the Group’s management strategy, current views and assumptions. Such statements involve known and unknown risks and uncertainties that may cause actual results, performance or events to differ materially from those anticipated herein. All of the above risks could affect the Group’s future ability to achieve its financial targets, which were set assuming reasonable macroeconomic conditions based on the information available today. Use of the words “believes”, “anticipates” and “expects” and similar expressions are intended to identify forward-looking statements, including the Group’s expectations regarding future events, including regulatory filings and determinations. Moreover, the targets described in this document were prepared without taking into account external growth assumptions and potential future acquisitions, which may alter these parameters. These objectives are based on data and assumptions regarded as reasonable by the Group. These targets depend on conditions or facts likely to happen in the future, and not exclusively on historical data. Actual results may depart significantly from these targets given the occurrence of certain risks and uncertainties, notably the fact that a promising product in early development phase or clinical trial may end up never being launched on the market or reaching its commercial targets, notably for regulatory or competition reasons and also taking into consideration assessment delays of certain clinical trials in light of the ongoing COVID-19 pandemic. The Group must face or might face competition from generic products that might translate into a loss of market share. Furthermore, the Research and Development process involves several stages each of which involves the substantial risk that the Group may fail to achieve its objectives and be forced to abandon its efforts with regards to a product in which it has invested significant sums. Therefore, the Group cannot be certain that favorable results obtained during pre-clinical trials will be confirmed subsequently during clinical trials, or that the results of clinical trials will be sufficient to demonstrate the safe and effective nature of the product concerned. There can be no guarantees a product will receive the necessary regulatory approvals or that the product will prove to be commercially successful. If underlying assumptions prove inaccurate or risks or uncertainties materialize, actual results may differ materially from those set forth in the forward-looking statements. Other risks and uncertainties include but are not limited to, general industry conditions and competition; general economic factors, including interest rate and currency exchange rate fluctuations; the impact of pharmaceutical industry regulation and health care legislation; global trends toward health care cost containment; technological advances, new products and patents attained by competitors; challenges inherent in new product development, including obtaining regulatory approval; the Group’s ability to accurately predict future market conditions; manufacturing difficulties or delays; financial instability of international economies and sovereign risk; dependence on the effectiveness of the Group’s patents and other protections for innovative products; and the exposure to litigation, including patent litigation, and/or regulatory actions. The Group also depends on third parties to develop and market some of its products which could potentially generate substantial royalties; these partners could behave in such ways which could cause damage to the Group’s activities and financial results. The Group cannot be certain that its partners will fulfil their obligations. It might be unable to obtain any benefit from those agreements. A default by any of the Group’s partners could generate lower revenues than expected. Such situations could have a negative impact on the Group’s business, financial position or performance. The Group expressly disclaims any obligation or undertaking to update or revise any forward-looking statements, targets or estimates contained in this press release to reflect any change in events, conditions, assumptions or circumstances on which any such statements are based, unless so required by applicable law. The Group’s business is subject to the risk factors outlined in its registration documents filed with the French Autorité des Marchés Financiers. The risks and uncertainties set out are not exhaustive and the reader is advised to refer to the Group’s 2018 Registration Document available on its website (www.ipsen.com).

© Ipsen Group 2019